Articoli

  • Ciao Federica, come e quando ti sei avvicinata al Pilates e che percorso di formazione hai fatto?

Ho iniziato con la danza classica nel 1984 e sono stata da sempre molto attratta dallo ricerca sul movimento. Mi sono appassionata talmente tanto al metodo Pilates da lasciare nel 2003 la danza per dedicarmi a questa disciplina e allo studio della parte scientifica del movimento oltre che alla sue potenzialità espressive

In questa ricerca ho provato numerosi sport, dalle arti marziali all’arrampicata sportiva.

Nel 2005 ho iniziato il mio percorso formativo con un’altra scuola  e nel 2013 mi sono recata in Spagna per seguire il corso ProBridge BASI Pilates, studiando con Sheri Long e Sarah Lampro Bertuccelli.

 

  • Hai cominciato il tuo percorso BASI con il ProBridge in Spagna. Cosa ne pensi dell’internazionalità di BASI che permette di fare esperienze all’estero e poi proseguire in Italia?

Studiare in Spagna è stata un’esperienza importantissima che mi ha permesso di incontrare colleghi con approcci diversi e sperimentare un tipo diverso di formazione. Consiglio a tutti di viaggiare il più possibile per confrontarsi e allo stesso tempo divertirsi.

Studiare fuori dall’Italia ha messo in gioco la mia volontà di imparare, permettendomi di migliorare anche la conoscenza dell’inglese.

Federica a Darte Pilates Marbella 12 settembre 2015

Federica nello studio BASI Host DARTE Pilates Marbella

 

  • Da quanto tempo hai il tuo studio, che tipo di clientela hai e quali credi debbano essere le caratteristiche di un bravo insegnante?

Ho aperto il mio attuale studio, il  Loft Studio Cerere, nel 2013 ma avevo già gestito uno studio Pilates nel 2009 all’interno di una scuola di danza, sempre a San Lorenzo. In precedenza avevo lavorato a fianco della presidenza della mia precedente scuola di formazione e quindi mi sentivo pronta per intraprendere un mio percorso in autonomia.

La mia clientela comprende tutte le fasce d’età ma il mio approccio molto atletico ha fatto sì che si avvicinassero anche molti giovani sportivi e danzatori  (30-45 anni).

Un aspetto del metodo BASI che apprezzo molto, oltre alla ricerca di precisione e scientificità, è infatti un’attenzione all’atleticità che rispecchia le mie caratteristiche.

Credo che un insegnante dovrebbe dimostrare professionalità, passione, dedizione, ma soprattutto dovrebbe essere comunicativo. Un bravo insegnante sa relazionarsi con il cliente e esprimerne il potenziale.

 

  • Come mai hai deciso di diventare Host ed iniziare ospitando il Mat Program?

Ho voluto diventare Host per poter continuare il mio percorso con BASI e far conoscere questa scuola il più possibile. Per me è un onore ospitare i suoi corsi e sento che il mio studio ha il potenziale per creare un’esperienza di accrescimento negli studenti che lo frequenteranno.

  • Cosa ti auguri per il 2017?

Mi auguro la serenità necessaria per poter progredire nella mia conoscenza del Pilates e portare avanti un miglioramento continuo. Mi auguro quindi un anno di evoluzione di cui BASI sarà parte fondante.

Il Mat Program BASI Pilates si terrà a partire dal 10 Febbraio nel BASI Host Loft Studio Cerere di Federica, tutte le informazioni per l’iscrizione le potete trovare cliccando qui o scrivendoci a info@basipilates.it

 

 

 

 

Oggi conosciamo meglio Paola Di Tello  e lo studio Pilates Suite, BASI Host a Napoli.

Il primo aspetto che colpisce di Paola è la dolcezza, la calma anche se il suo sguardo intenso tradisce subito una forza di volontà non comune che l’ha portata a realizzare tra tante difficoltà il nuovo studio Pilates Suite, BASI Host a Napoli.

 

Pilates Suite Napoli BASI Host

Paola Di Tello nel suo studio Pilates Suite BASI Host di Napoli

 

Paola, raccontaci di quando è avvenuto il tuo incontro con il Pilates.

Mi sono avvicinata al Pilates circa otto anni fa dietro consiglio di un’amica perché,  non potendo più dedicarmi alla danza per un problema al ginocchio, avevo bisogno di mantenere il mio corpo allenato.

Nel Pilates fin dalle prime lezioni ho trovato un nuovo cammino da intraprendere. I suoi principi mi appartenevano già ma sono stata completamente travolta dal suo “ritorno alla vita”.

E l’incontro con BASI? Quali sono le ragioni che ti hanno motivato a intraprendere questo percorso?

Dopo aver fatto un lungo lavoro su me stessa ho deciso di iscrivermi ad un corso di formazione, venendo già da tanti anni di esperienza di insegnamento della danza classica. Ho iniziato il mio percorso a Milano ma non contenta l’ho interrotto. Ho continuato gli studi a Napoli approfondendo innanzitutto  la conoscenza del corpo umano.

Dopo due anni però ho sentito la necessità di ampliare lo studio della tecnica del Pilates, così ho iniziato la ricerca delle scuole presenti in Italia cercando di capire il loro metodo.  Mi sono confrontata anche con molti colleghi e alla fine ho scelto il metodo BASI per la semplicità di approccio, per l’attenzione che dà alle persone nella loro diversità, per l’organizzazione del lavoro da svolgere ed infine, ma non per importanza, per l’attenzione e la disponibilità che vi ho trovato.

Il mio entusiasmo ha finito per contagiare in questi anni molti miei colleghi che hanno deciso di formarsi con BASI e ora spero davvero di far crescere questa famiglia sempre di più!

dsc_0108

Paola durante una lezione con Ilaria Pulidori BASI Faculty nello studio Pilates in Tuscany BASI Host di Prato

 

Hai voluto fortemente che Pilates Suite divenisse BASI Host, perché? 

Sono sicura che Pilates Suite grazie a BASI possa offrire un’opportunità che a Napoli al momento non esiste: l’unicità di uno studio dove regna sovrano il Pilates sia per allenarsi che per formarsi. Mi piacerebbe che diventasse il punto di riferimento BASI  per tutto il Sud Italia.

 

Pilates Suite BASI host Napoli

Lo Studio Pilates Suite, Viale Antonio Gramsci, 21, 80122 Napoli

 

Molti dei nostri studenti provengono da Napoli, come mai secondo te il Pilates è così amato a Napoli e come può diventare un’opportunità professionale?

Il genio e la vitalità sono del popolo napoletano così come per il  Pilates.

Credo inoltre che dedicarsi al Pilates in maniera seria e professionale rappresenti una grande opportunità di crescita,  di confronto e soprattutto la possibilità di non restare un singolo ma appartenere ad una famiglia che vive in tutto il mondo.

 

Sono stati mesi di duro lavoro ma ora lo studio è splendido e pronto a ospitare i corsi di formazione Comprehensive Global Format e Mat Program, a partire  dall’8 dicembre 2016 nello Studio Pilates Suite, Viale Gramsci 21, Napoli

In bocca al lupo a Paola e al suo staff per questa nuova avventura ma soprattutto un grazie speciale per non aver mai smesso di crederci.

 

Pilates Suite Napoli BASI Host

Paola durante una lezione

Oggi conosciamo meglio Simone Tiozzo, rigoroso e sincero, ma che, nonostante il  carattere riservato,  ha scelto di condividere la sua esperienza. Iniziamo proprio da questo, quando ti sei avvicinato al Pilates?

Il mio incontro con il Pilates è avvenuto molti anni fa, quando ancora studiavo Scienze Motorie al SUISM di Torino e iniziavo a lavorare nelle varie palestre. Era il 2002, giocavo ancora calcio e troppo spesso soffrivo di dolori da rigidità muscolare che mi penalizzavano molto nel ruolo che ricoprivo, quello del portiere, dove agilità e rapidità richiedevano molta elasticità.

Dopo aver provato con diversi approcci motori, vengo a conoscenza che nel Club in cui lavoravo per la maggiore, facevano una ginnastica chiamata “Pilates”. Anche se non era proprio il matwork che oggi insegno, i principi di movimento erano quelli del Metodo e da subito mi sono accorto che era il workout che faceva per me; è stato “amore a prima vista”!! Un lavoro intenso, che mi insegnava a gestire il mio corpo come mai avevo fatto prima, distruggendo tutte le idee e convinzioni motorie che per anni avevo sostenuto.

Da quel momento ho incominciato ad informarmi sul tema e a frequentare corsi qui e là dove ciascuno cercava di proporre quello che conosceva, ma ero confuso, troppe diversità tra un corso e l’altro e da autodidatta cercavo di rimettere insieme le varie informazioni e studi che raccoglievo. Nel frattempo finisco l’università e nel 2006 decido di iniziare a studiare con Anna Maria Cova a Milano a cui devo molto.

Lo stesso anno, in un viaggio a NY, mentre curiosavo tra i vari libri nel settore sportivo, la mia attenzione ricade su un libro curioso, perché rilegato in orizzontale, il suo titolo riportava in grande: PILATES di Rael Isacowitz. Da li non gli ho più tolto gli occhi di dosso e ho seguito da “lontano” il gran lavoro ed evoluzione che Rael ha fatto con BASI Pilates in 10 anni.

Nel 2008 apro il mio studio Move Te Ipsum a Torino.

Hai seguito nel 2012  il Pilates Master Mentor Program con Lolita San Miguel e poi lo scorso febbraio il Mentor Program con Rael Isacowitz, cosa hanno significato queste esperienze per te e per il tuo percorso formativo? Quanto è importante una figura come il Mentor?

Simone Tiozzo e Rael Isacowitz

Simone Tiozzo durante il Mentor Program tenuto a Prato da Rael Isacowitz lo scorso Febbraio.

 

Ho avuto la volontà e fortuna di andare a fondo nello studio della tecnica e della sua storia apprendendo quanto più possibile da Lolita a cui sono molto legato e che mi ha trasmesso il suo sapere, la sua esperienza e conoscenza, la sua passione. È stato molto entusiasmante andare e venire più volte dagli Stati Uniti per studiare il Pilates con lei.

E poi con Rael:  il suo entusiasmo, la sua passione e tanta, tanta conoscenza nella scienza del movimento, da riuscire a esprimere e ottimizzare al meglio le qualità che gli esercizi e le sequenze proprie del Pilates possono esprimere nell’epoca moderna.

Il ruolo di questi grandi Maestri è quello di riservare e salvaguardare l’integrità del metodo e di tramandarlo in modo che chi eredita possa a sua volta continuare ad insegnarlo nel modo corretto e migliore, proprio come J.H. Pilates avrebbe voluto, che diventasse un Metodo Universale.

Tutto questo per me è significato andare a fondo, capire le origini, lo sviluppo e l’evoluzione del metodo che si è avuta in quasi un secolo.

È significato maturare come professionista, allenatore, insegnante delle scienze motorie, di Pilates,  oltre che come uomo. Mi ha dato la forza e la conoscenza per raggiungere i miei obiettivi.

Tra gli  obiettivi raggiunti immaginiamo che ci sia quello di divenire un HOST Studio. Cosa ti ha motivato in questa scelta e  quali opportunità vedi per il tuo studio nel divenire BASI HOST?

La motivazione principale è  che credo fortemente nella metodica che Rael ha sviluppato, tutte le mie intuizioni, idee maturate in ore e ore di tanto lavoro, le ho riscontrate e condivise in essa. L’opportunità che ho di affiancare il mio Studio a BASI Pilates sarà quella di rapportarmi con quella che penso sia la miglior scuola al mondo e dunque di poter dare l’opportunità  a chi vorrà studiare questo splendido Metodo di movimento di farlo nella mia città, Torino, e  poterlo fare nel migliore dei modi.

Quali suggerimenti daresti a chi deve iniziare la formazione ?

Avendo fatto più percorsi formativi il consiglio che mi sento di dare è quello di scegliere una scuola organizzata e consolidata, riconosciuta anche in altri paesi del mondo, dato che oggi non è più così scontato rimanere a vivere tutta la vita nel proprio paese.

Un altro aspetto che ritengo decisivo per la scelta è  che la scuola sia una comunità in grado di sostenere qualsiasi bisogno tecnico e didattico e ciascuno vi si senta libero di esprimersi. È importante inoltre assicurarsi a priori di come verrà sostenuta la formazione, con quali tempistiche, insegnanti e luoghi. È questo che viene offerto molto bene da BASI Pilates.

Quello che mi sento di consigliare è inoltre di prendere il percorso con serietà e dedizione, dato che un domani sarete gli insegnanti del futuro.

Grazie Simone, siamo sicuri che i tuoi consigli saranno utili a molti.

 

Lo studio Move Te Ipsum ospiterà per la prima volta a Torino, il corso di formazione Comprehensive Global Format  e Mat Program  a partire dal 9 Marzo 2017.

Il primo appuntamento da mettere in agenda è il 29 ottobre 2016 per l’Extended Class tenuta da Ilaria Pulidori, Basi Faculty , che sarà l’occasione per